×

Scarica l’app LiveinRiviera.IT!

App Store Google Play
L'abitazione dell'infanzia

La casa riminese dove Federico Fellini nacque, alle 21,30 di martedì 20 gennaio 1920, non c’è più, o meglio, al suo posto, al civico n. 10 di Via Dardanelli, è stato costruito un altro edificio. La via che è proprio a ridosso della ferrovia, lato mare ora si presenta come una palazzina a più piani con attorno un piccolo giardino. In ogni caso l’atmosfera che vi si respira richiama quella del tempo. Dopo la nascita di Federico, primogenito, i Fellini da Via Dardanelli si trasferiscono prima in Corso d’Augusto, a Palazzo Ripa n. 115.  

Palazzo Ripa ha ospitato la famiglia Fellini, poco dopo la nascita di Federico. È il febbraio 1925. Scrive Federico: «La prima casa che io ricordo veramente è il palazzo Ripa. C’è ancora: è un palazzo sul Corso. Il nostro padrone di casa era sempre vestito di blu: l’abito blu, la bombetta blu e una gran barba bianca, come una divinità da blandire, da non irritare. Mia madre si asciugava le mani, mentre diceva: “Bambini, state fermi, c’è il signor Ripa”».

E poi in Via Gambalunga 48 Palazzo Ceschina, che è ancora lo stesso di allora. L'abitazione si trovava nei pressi del Politeama. Nel febbraio del 1929, nuovo trasloco in Via Clementini, civico 9 e due anni dopo a pochi passi in Via Dante 9, ora civico 23.