×

Scarica l’app LiveinRiviera.IT!

App Store Google Play
Biblioterapia: Leggere il mondo. Come curarsi (o ammalarsi) coi libri
Dal 24 October al 19 December
Rassegna di conversazioni, lezioni magistrali e presentazioni di libri

Telefono: 0541 704479

Dal 24 ottobre al 19 dicembre 2020 torna “Biblioterapia. Come curarsi (o ammalarsi) con i libri”, rassegna il cui focus verte su una delle domande radicate nel cuore della vita, che indagano l’umano: Che cosa è il tempo? Con approccio multidisciplinare e divulgativo, Biblioterapia si interrogherà partendo da una sorta di archeologia del concetto di tempo, che spazia nel campo scientifico e umanistico.
Ad aprire la rassegna, Eugenio Coccia, docente di Fisica Sperimentale, fondatore e rettore del Gran Sasso Science Institute, componente del gruppo Premio Nobel 2017 per la Fisica, con la lezione magistrale su “Il tempo secondo la Fisica” (sabato 24 ottobre). 
Massimo Cacciari, sabato 31 ottobre (Teatro Novelli, ore 17), si interrogherà su “Tempo o Essere?”. 
Arnaldo Benini, professore emerito di neurochirurgia e neurologia dell'Università di Zurigo, con la sua lezione magistrale su “Neurobiologia del tempo” (domenica 8 novembre), muoverà dall’idea che il tempo è un evento biologico prodotto da meccanismi nervosi emersi per selezione naturale, mentre Marco Aime docente di antropologia culturale, sabato 14 novembre, con la lezione “Riti di passaggio ed età oggi”, affronterà il significato della perdita della distinzione fra giovinezza ed età adulta, e della progressiva cancellazione dei riti di passaggio, che scandivano il tempo individuale e sociale. 
Forse è tempo di “Trovare il tempo”, sono le parole di Enzo Bianchi, fondatore della Comunità monastica di Bose, di cui è stato priore, sabato 21 novembre, per non essere trascinati nella tristezza patologica del tempo odierno, senza passato e senza futuro. 
Antonio Prete, poeta, traduttore e critico letterario, uno dei massimi esperti internazionali dell'opera di Charles Baudelaire, Edmond Jabès e Giacomo Leopardi, narrerà “Le figure della temporalità: memoria, ricordanza, nostalgia”, sabato 28 novembre, facendoci incontrare i poeti e gli scrittori che abitano quelle parole.   
 “Travolti dal presente, miopi verso il futuro” è invece il monito lanciato da Annamaria Testa, che ne parlerà sabato 5 dicembre.
Sabato 12 dicembre (Sala del Giudizio, ore 17), si terrà il reading “Il tempo è un bimbo che gioca”. Un rapido viaggio attraverso pagine di letteratura e poesia il cui nodo è il tempo, tra Marcel Proust e Olga Tokarczuk, Annie Ernaux, Patrizia Cavalli, Iosif Brodskij, Witold Gombrowicz ed altri. La drammaturgia è di Lorella Barlaam, il visual di Maurizio Giuseppucci, le letture di Giorgia Bondi e Matteo Castellucci, con musiche dal vivo di Valentina Baroni. 
Ultimo appuntamento sabato 19 dicembre, con Mauro Bonazzi, storico di Filosofia antica e medievale, e le sue “Creature di un sol giorno”.



Periodo di svolgimento: 24, 31 ottobre; 8, 14, 21, 28, novembre; 5, 12 dicembre 2020

Orario: 17.00

Ingresso: ingresso libero con prenotazione obbligatoria

Programma:

 

24 ottobre, Sala del Giudizio
Eugenio Coccia Il tempo secondo la Fisica

31 ottobre, Teatro Novelli
Massimo Cacciari Tempo o Essere?

8 novembre, Sala del Giudizio
Arnaldo Benini Neurobiologia del tempo

14 novembre, Sala del Giudizio
Marco Aime Riti di passaggio ed età oggi

21 novembre, Sala del Giudizio
Enzo Bianchi Ritroviamo il tempo

28 novembre, Sala del Giudizio
Antonio Prete Figure della temporalità. Memoria, ricordanza, nostalgia

5 dicembre, Sala del Giudizio  
Anna Maria Testa Travolti dal presente, miopi verso il futuro

12 dicembre, Sala del Giudizio 
Il tempo è un bimbo che gioca. Reading a cura di Lorella Barlaam, letture di Giorgia Bondi, Matteo Castellucci, musiche di Valentina Baroni, visual di Maurizio Giuseppucci

19 dicembre, Sala del Giudizio
Mauro Bonazzi Creature di un sol giorno. 
___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

La partecipazione è libera, con prenotazione obbligatoria (massimo 2 posti). 
Per favorire la partecipazione, si potranno prenotare tutti gli incontri desiderati, con obbligo di eventuale disdetta entro le ore 18 del giorno precedente, pena la sospensione dall’intera rassegna.       
Info e prenotazioni dal 17 ottobre: tel.0541.704479 (ore 9-13.30; 14.30-19); mail: interbib@comune.rimini.it

Diretta streaming sulla pagina:  www.facebook.com/bibliotecagambalungarimini

La rassegna è in collaborazione con l’Ufficio scolastico di Rimini. Agli insegnanti sarà rilasciato un attestato di partecipazione

L’accesso è regolamentato dalle norme anti COVID-19    

www.bibliotecagambalunga.it; www.facebook.com/bibliotecagambalungarimini

 



Indirizzo

Rimini, via Gambalunga, 27

Telefono

0541 704479

Web

www.bibliotecagambalunga.it

Mail

interbib@comune.rimini.it